Stampa articolo

I LONGOBARDI A BELVEDERE (7)

La Lunga Storia di Belvedere (7)

Nel 774 i Longobardi, con il crollo del Regno di Pavia, costituirono il Ducato di Benevento, rimasto un appendice, per due secoli, del regno settentrionale. Per ragioni diverse da quelle Saracene, interessarono con incursioni, via mare, la nostra terra. La progressiva conquista dei Longobardi che già con il Duca Arechi I (590-640) si estese dal Sannio sino a Capua e a Salerno portò gli stessi ad affacciarsi sul Tirreno, e verso il mare continuò ad esercitarsi la loro spinta aggressiva.

La conversione al cattolicesimo, insieme ai contatti più frequenti col mondo circostante, li portarono gradualmente, ma in modo irreversibile, ad apprendere, ad assimilare, a desiderare modi di vita e di esercizio del potere più avanzati rispetto alle loro tradizioni. I Longobardi impararono ad amare queste terre, i loro prodotti, le loro rendite, a convivere con le popolazioni soggette; un ceto dirigente guerriero apprese i vantaggi della residenza stabile e solida, del cibo sicuro, della dolcezza del clima, apprese a desiderare di più e di meglio, gettando lo sguardo e portando le armi sulle zone ai loro occhi più ricche della Campania, della Puglia, della Calabria.

Per due secoli i duchi beneventani consumarono un’esperienza di conquiste e arretramenti, di ostilità e instabile equilibrio con l’orizzonte romano-bizantino. Nonostante il permanere di rivalità a colpi di mano interni, tra i principi di Capua e Salerno si realizzarono anche intese per azioni comuni contro i Bizantini e contro la romanica Napoli; vi furono alleanze matrimoniali e perfino qualche episodio di collaborazione contro gastaldi ribelli. Attraverso di esse la Longobardia meridionale tendeva a riproporsi come un’area politicamente coerente, nella memoria dell’originaria unità ed in forza dei fittissimi legami che, al di là delle scissioni, intercorrevano tra le parti separate. Il ravvicinamento divenne addirittura unificazione, ma per brevissimo tempo, sotto il principe Capuano Pandolfo I, detto Capodiferro (961-981), quando il Mezzogiorno longobardo emerse fra le più importanti entità politiche dell’Italia e fu il terreno di un duro conflitto, ideologico e militare, fra l’impero bizantino e l’impero d’occidente, rinnovato in Germania dal bellicoso ed autoritario Ottone I di Sassonia.

Anche i Longobardi di Salerno continuarono a regolarsi secondo le loro consuetudini, tramandate oralmente di generazione in generazione o confermate nella pratica dei tribunali. L’organizzazione politica risentì a lungo della concezione contraria al potere di uno solo, così che la legge era considerata non data dall’alto, ma convenuta tra re e popolo. Nel campo dei rapporti privati, il diritto longobardo rimase a lungo affidato alle forme e al simbolismo, come è soprattutto osservabile nel processo, dominato dal rito dell’ordalia o giudizio di Dio. Nella codificazione scritta nel 643 dal re Rotari, redatta in latino in 388 capitoli e intitolata Edictum che fu la base della legislazione, i sovrani successivi vi apportarono solo aggiunte e modificazioni. Un’evoluzione relativamente rapida avvenne comunque al contatto con la civiltà degli occupati e ancor più dopo la conversione al cattolicesimo, seguendo i suggerimenti della Chiesa di Roma.

Un’intensa attività nel campo dell’architettura longobarda avvenne soprattutto dopo la conversione  al cattolicesimo e la progressiva fusione con le popolazioni locali; le numerose architetture (molte rimaneggiate, alcune scomparse) si mostrano ricche di riferimenti classici, bizantini, orientali. Notevole, anche per le importanti decorazioni, S. Sofia di Benevento (762, originariamente a pianta stellare) ecc. Importanti sono le tracce degli insediamenti longobardi, che determinarono lo sconvolgimento dei criteri urbanistici romani. Di rilievo, fra i cicli decorativi, gli stucchi di Cividale e gli affreschi di Brescia, Castelseprio, San Vincenzo al Volturno, Benevento. Nelle ornamentazioni sono caratteristici i motivi antropomorfi e zoomorfi stilizzati, le decorazioni a intreccio o vermicolate, desunti soprattutto dal repertorio germanico e influenzati da modelli bizantini. Tali aspetti assumono importanza particolare nella lavorazione dei metalli, della quale i Lonobardi possedevano tradizionalmente una progredita tecnica, e che costituì un ambito produttivo di fondamentale importanza, come testimonia la ricca suppellettile rinvenuta nelle necropoli (Benevento, Bolsena, Castel Trosino, Civezzano, Cividale, Nocera Umbra, Testona ecc.). Negli ornamenti di armi o di vestiario, negli oggetti a carattere religioso e, in particolare, nell’oreficeria si osserva l’uso dell’agemina, della filigrana, della incastonatura, della doratura, della damaschinatura.

 

     

                                                     Affreschi Longobardi a Benevento raffiguranti Arechi II°

      

Ispirata alla Cappella liutprandea (730-740 d.C. circa) del Palazzo Reale di Pavia, la Chiesa di Santa Sofia a Benevento fu costruita intorno al 760 dal Duca longobardo della città, Arechi II.

 

                                                Rivocazioni Longobarde a Benevento davanti l’ingresso di Santa Sofia

Solo a Salerno, dunque, la struttura del principato superò senza danni la crisi provocata dalla influenza tedesca nel Sud. Il potere era stato assunto nel 983 dallo spoletino Giovanni, che Pandolfo Capodiferro vi aveva imposto come tutore del figlio Pandolfo II. Nonostante questa origine, il nuovo principe si inserì nella consolidata struttura di tradizioni ed interessi del principato; senza difficoltà diede avvio ad una nuova dinastia che durò un secolo e manifestò la sua integrazione assumendo i nomi personali tipici della precedente.

Il principato di Salerno confermò la vocazione marittima, organizzando una propria struttura commerciale, fondata su una catena di porti che da Salerno, per le foce del Sele, Agropoli, Velia, Policastro, e l’Alto Tirreno Calabro, costituivano le tappe della navigazione verso lo stretto di Messina ed i terminali commerciali dell’entroterra. Ne risultò una straordinaria prosperità. I principi ebbero ricchezze enormi per la loro politica; Salerno divenne celebre per la opulenza, oltre che per l’abilità dei suoi medici. L’orgoglio cittadino assunse per sé la tradizione longobarda, ponendosi come sintesi privilegiata di essa. Anche nei centri meno importanti le cittadinanze assumevano fisionomia e coscienza di corpi politici.

  

                                                                         Castello Longobardo di Salerno
 
                                                                         Vista sul Golfo dal Castello di Salerno

 

Con la nuova dominazione numerose località vengono quindi dotate di un Castrum, in questo caso un castello o rocca, in sostanza un edificio adibito a dimora feudale e circondato da mura e torri, a capo del quale viene posto un “gastaldo”. Infatti prima del secolo XI non esiste un centro di gastaldato (cioè una circoscrizione amministrativo-militare) senza il suo castello, in quanto l’influenza longobarda non determina strutture feudali tali da rendere necessario un incastellamento.

      

                                                                             Estensione Longobarda nel Cilento

 

        

                                                      Opere infrastrutturali agricole dei Longobardi nel Cilento

  

                                                       Ponte Longobardo sul Fosso Tronaturo  di Aieta (cs)

       

                                                                                 Opere Longobarde nel Cilento

       

                                               Castrum Longobardo nel Cilento- Ingresso e recinzione

                                                            Fontana Longobarda rinvenuta nel Cilento

 

Segno di fortificazioni dei così detti centri altomedioevali dello stesso periodo nella nostra area dell’Alto Tirreno Calabro si ritrovano su Sasso dei Greci a Buonvicino, i Casalini presso S.Sosti, il Castra Mercurio e Raione presso Orsomarso, Trincello a Verbicaro, Castelluccia al Passo dello Scalone.

Per quanto riguarda il ruolo delle fortificazioni considerate, é innegabile l’uso militare di una parte di esse, per esempio di quelle di S. Sosti e Cerisano, rivelato chiaramente dall’impianto architettonico. Queste è probabile siano da ricondurre a tempi precedenti il IX secolo, quando la frontiera bizantino-longobarda aveva il proprio baricentro più a sud nella Calabria e quando il ducato beneventano esercitava il proprio dominio incontrastato nella valle del Crati. A partire circa dalla seconda metà del VII secolo, infatti, i Bizantini controllavano le aree più meridionali della Calabria e la costa orientale ionica da Rossano a Taranto, fino alla penisola salentina. Quando il porto di Taranto cadde in mano agli arabi, che lo detennero per un quarantennio, dall’840 all’880, furono certamente i porti calabresi della costa ionica che assicurarono il collegamento marittimo con Otranto.

La natura militare dei castra di S. Sosti e Cerisano suggerisce una tipica strategia difensiva di sbarramento (da questo punto di vista il muro tuttora visibile che si dirama da uno dei lati lunghi del recinto fortificato di Casalini e chiude l’imbocco della valle sottostante è esemplare), che consiste nel concentrare le forze militari in corrispondenza dei valichi e dei passaggi per frenare sul nascere l’avanzata degli eserciti nemici, cercando d’impedire l’ingresso di questi ultimi nei propri domini. In una strategia di questo tipo, nel caso che tali protezioni venissero superate dagli avversari, un ruolo militare ugualmente importante è rivestito dalle città fortificate e dalle altre fortificazioni di rifugio, che dovevano impegnare e fiaccare definitivamente le forze degli invasori, già messe alla prova in corrispondenza delle roccaforti di confine.

                 Tipologie  Insediamenti Longobardi di Laino  e di Nocara -Loc.Presinace Modello tridimensionale

      

                                                    Morano-Loc.Sassone modello tridimensionale con la porta di Ingresso

Ecco che i centri urbani più grandi e importanti, nonché militarmente meglio attrezzati del territorio, spesso sedi di istituzioni amministrative e di funzionari politici, fiscali e militari, come Cosenza, Bisignano, Laino, Rossano, Cassano, Belvedere, Amantea e probabilmente anche Oriolo, condividevano alcune caratteristiche comuni: innanzitutto la presenza di mura perimetrali piuttosto solide e resistenti, la posizione strategicamente importante e anche la soluzione insediativa adottata, che consisteva nell’arroccamento del centro urbano su un altopiano roccioso o in luogo soprelevato, dal quale dominava i territori circostanti e che offriva tutte le protezioni naturali del caso. Queste ultime, unite alle fortificazioni artificiali, rendevano la città difficilmente espugnabile. In casi del genere, solitamente la città, eventualmente munita di un mastio o di un castello che era posto sulla cima del colle, si sviluppava espandendosi con i suoi suburbia verso il basso, lungo il declivio montuoso.

Se si trascura l’identificazione del castrum con il villaggio fortificato, difficilmente caratterizzato da elementi materico-costruttivi omogenei, e si analizza l’accezione di edificio munito rispondente ad una voluta e specifica visione d’insieme, si incorre nell’idea generalizzata del tipico castello medioevale. In effetti, dal punto di vista tipologico, bastano un fossato ed un terrapieno (ma talvolta anche solo una cortina muraria) affinché l’area così munita possa essere definita castrum. Nel cortile interno è, inoltre collocata spesso la fortezza signorile, la rocca, residenza della massima autorità locale o del suo vicario, nonché sede delle milizie e degli organi della sua curia.

Nei casi in cui il castrum designa, come a Belvedere, un’area munita si assiste alla sua trasformazione in sobborgo del fortilizio e della zona più alta dell’abitato dai quali, viene ben controllata e protetta. Nella fase bizantina/longobarda e quindi tra il VII e X secolo d.C. per la sua posizione strategicamente importante, la località fortificata del Belvedere ha già una propria torre di difesa e un borgo fortificato, e quindi capace di accogliere e dare sicurezza alla popolazione, in un periodo particolarmente interessato dalla instabilità della vita per i continui conflitti che intercorrevano tra i longobardi e i bizantini e le frequenti incursioni saracene.”

 

         

                               Centro Storico di Belvedere vista aerea con in evidenza Area dell’insediamento Longobardo

                         

                                          Bastioni di ingresso del Castrum Longobardo di Belvedere in Loc. Tre Colonne.
                                                             
Belvedere: Testa di fontana Longobarda in pietra rinvenuta in località Muscarill (Tre Colonne) in antico caseggiato e donata dal Sig. Bencardino Battista alla parrocchia, e dove oggi nella Chiesa Madre viene conservata. Insieme alle cortine murarie ancora visibili resta, questa, una prova inconfutabile della presenza Longobarda sulla Rocca di Belvedere.

       

Ingresso di Castrum Longobardo nel Cilento prossimo a quello di Belvedere. Fontana Longobarda di Sacco Vecchia         (Parco Nazionale del Cilento)- le cui figure sono perfettamente identiche a quella rinvenuta a Belvedere.

Rimane, pertanto, sostanzialmente ascrivibile alla strategia difensiva e alla presenza di significativi resti murari nella parte immediatamente gettante dal colle, con vista su Capo Tirone, il possibile arroccamento di una fortificazione Longobarda sulla collina del Belvedere. Lo stesso riscontra nei già precedenti insediamenti rupestri Orientali, un proprio presidio, soprattutto nella fase di maggiore conflittualità con i Bizantini e con i pericoli derivanti dal mare da parte Saracena. Il Castrum Longobardo di Belvedere si incastra tra l’attuale cortina muraria di piccoli e medi conci delle Tre Colonne, i cui prolungamenti, nello spazio che circoscrivono, lasciano presagire che il pianoro, più in alto, successivamente definito della “Chiisiella bassa”, ospitava una Rocca, quale Torre di difesa del Borgo circostante, in muratura portante e copertura, a volta o piana, in legno. Le curve di livello altimetrico che la “cortina semplice” ancora visibile, va a recuperare, seguendone l’andamento a partire dalle Tre Colonne, circoscrivono la predetta Area. (Porta di Mare, in posizione più alta, per come vedremo sarà realizzata sulla potenziata Cortina Muraria nel periodo Svevo).

La scarsa presenza di tracce materiali di fortificazioni attribuibili con certezza ai Longobardi è imputabile al fatto che il loro intervento nell’edilizia munita si limita quasi ovunque all’affidamento di incarichi a maestranze locali che sono libere di realizzarli secondo le proprie tradizioni. Ad esse vengono, quindi, commissionati tutti i tipi di lavori edili, suddivisi in dieci categorie di opere e retribuiti sulla base di un corrispettivo che non tiene conto della tipologia costruttiva né edilizia, ma solo delle dimensioni (calcolate in “tegole”, da 42x55cm a 41x61cm) e della destinazione di uso della costruzione. Dall’analisi di tali generi di lavoro si ricava, quindi, che i Longobardi utilizzano (anche per le opere difensive): coperture voltate o piane in legno; murature realizzate con conci squadrati o di grandi dimensioni o con conci piccoli o irregolari; infine superfici intonacate solo in taluni, limitati casi.

Polo politico di riferimento in questo periodo è Malvito, già sede di importanti conventi e abbazie sin dalla prima fase degli insediamenti orientali, con i Longobardi divenne sede del Gastaldato e dal 989 Diocesi latina. Tale località è facilmente raggiungibile da Passo dello Scalone e pertanto l’arroccamento Longobardo sul Belvedere trova conferma anche per quanto si rinviene nei registri :” i Longobardi arroccati a Malvito, distrussero Civita in località Quattro Timponi sulla via istmica, i cui abitanti confluirono sulla fortificazione di Belvedere”.

La frontiera militare longobarda, comunque, è opinione piuttosto recente che fu smessa con la riconquista bizantina, quando perse di efficacia. Ciò avvenne a causa anche delle guerre civili che logorarono i principati longobardi campani a partire dalla seconda metà del IX secolo e dell’incapacità di Salerno di fronteggiare la minaccia saracena nei territori periferici del principato, che, dunque, furono facilmente ripresi dall’esercito bizantino, complice il quadro socio-politico estremamente incerto.

 

Questo elemento è postato in CULTURA, Le mie Proposte. Bookmark the permalink.

Lascia un Commento