Stampa articolo

STAZIONE DEL MARE A BELVEDERE

    

Il recente Accordo Quadro, da salutare positivamente e con compiacimento, fra il Comune di Belvedere e l’Università della Calabria- Dipartimento Ingegneria per l’Ambiente e Territorio e Ingegneria Chimica (DIATIC), per dar vita a Belvedere ad una Stazione Sperimentale del Mare, si inserisce nel più vasto panorama delle azioni da intraprendere in materia di controllo delle acque per come previsto dalla Direttiva Europea 2000/60/CE.

La direttiva individua un quadro per l’azione Comunitaria in materia di acque, e prioritariamente, quella di “integrare maggiormente la protezione e la gestione sostenibile delle acque attraverso una politica efficace e coerente, tenendo conto della fragilità degli ecosistemi acquatici” con l’obiettivo di impedirne un ulteriore deterioramento, estendendo tale protezione agli altri ecosistemi direttamente dipendenti da quelli acquatici.

Ed è quanto si propone il Dipartimento, quale Organismo Scientifico a sostegno degli Enti, soggetti attuatori, con questo primo progetto sostenuto da fondi PON Regionali, che prevede la realizzazione di una Stazione Marittima con caratterizzazione e strumentazione di telerilevamento e monitoraggio subacqueo dei parametri bio-fisici e chimici del mare, estesi alla presenza di foci di fiumi o di altri corsi d’acqua, oleodotti, e depuratori, stazioni per carico e scarico di sostanze e, più in generale, strutture dove l’attività antropica comporta un uso intensivo delle risorse marine.

Una Stazione che rappresenta un insostituibile strumento per valutare e tenere sotto controllo l’eventuale impatto sull’ecosistema marino e che fa un continuo  monitoraggio della trasparenza delle acque, considerata dalla normativa vigente, come parametro di base, un indicatore importante sia dal punto di vista chimico che biologico. La trasparenza dell’acqua è inoltre una delle caratteristiche più ricercate dai turisti, soprattutto dagli amanti delle immersioni, ed è quindi un’informazione efficace per la valorizzazione dell’offerta turistica.

Il Progetto investe una amena località naturalistica di notevole pregio ambientale quale area SIC, Scogliera di Capo Tirone di Belvedere, con la messa a disposizione di una struttura di proprietà del Comune quale il Museo del Mare, di recente realizzazione, pronta per ospitare la strumentazione della Stazione con annesso spazio espositivo dei risultati del monitoraggio, ricerca e didattica, attraverso anche stage e convegnistica all’uopo predisposti. L’attività di monitoraggio nello specchio considerato va ad interessare un giacimento di antropica formazione naturale (scogliere e spiagge) interessato negli anni da una serie di infrastrutturazioni quali l’immissione di foci e rigagnoli di acque reflue, di trattamento bio-chimico della depurazione, di alloggiamenti di siti per la balneazione sugli arenili, di costruzioni di dighe foranee superficiali e di battigia, di inserimento di unità portuale turistica e per la pesca. Non ultimo area di sperimentazione di dighe soffolte (con buoni risultati su Calabaia).

 

       

L’area considerata e prescelta offre dunque quelle caratterizzazioni sulle quali la Ricerca finalizzata può dispiegare una vasta gamma di attività di Didattica capace di offrire soluzioni alle problematiche proprie della fragilità del sistema al quale impedirne ulteriore deterioramento, attraverso anche la estensione della protezione all’intero  ecosistema e non solo acquatico nella sua essenza e di salvaguardia e protezione floro-faunistica: erosione ed alterazione dell’arenile; trattamenti chimici e solventi; regimentazione delle acque in superficie; dissesto idrogeologico; comportamento sociale nel rispetto dell’ambiente.

Il Programma del Dipartimento di Ingegneria per l’Ambiente e Territorio e Ingegneria Chimica (DIATIC) della Università della Calabria tramite questo progetto intende dotarsi di quelle necessarie credenziali per poter partecipare al più vasto Bando Nazionale del Monitoraggio Ambientale Marino previsto dalla Comunità Europea, facendo proprio della nostra area SIC di Capo Tirone una location non solo sperimentale ma di verifica dei possibili risultati raggiungibili e da raggiungere: location internazionale di forte richiamo per ambientalisti e per il Turismo Regionale.(md)

Questo elemento è postato in Le mie Proposte, TURISMO. Bookmark the permalink.

Lascia un Commento