Stampa articolo

COME FUNZIONA IL BILANCIO COMUNALE

Pdf Il principio della programmazione – S. MUSSARI – IFEL

Pdf Il principio della competenza finanziaria – IFEL

Pdf Il nuovo bilancio dell’ente – COLANGELO – UPI

Come Funziona il BILANCIO:

Distinzione Fondamentale

  • SPESE  sostenute con ENTRATE CORRENTI = Funzionamento Ordinario dell’Ente (spesa quotidiana)
  • SPESE  sostenute da  ENTRATE IN CONTO CAPITALE = Investimenti (comperare un bene immobile, intervenire con progetti di ristrutturazione, asilo, musei, strade, illuminazione, verde, etc …….

Come è Fatto il BILANCIO DI UN COMUNE:

                               ENTRATE                                     USCITE
ENTRATE CORRENTI (tributarie, extratributarie, contributi e trasferimenti correnti (Stato Regioni) SPESE CORRENTI ( compresi gli interessi su debito)
ENTRATE IN CONTO CAPITALE

  • alienazioni patrimoniali
  • contributi in conto capitale (Regione, UE,
  • oneri di urbanizzazione
  • entrate per indebitamento (mutui)
SPESE IN CONTO CAPITALE = Investimenti
RIMBORSO DEBITO (la quota capitale)
          TOTALE              TOTALE
  •  Ogni Anno- Per il Bilancio Preventivo dell’Anno Seguente, il Comune deve garantire in particolare due Equilibri:
  • A) L’Equilibrio di Parte Corrente
  • B) L’Equilibrio sugli Investimenti
  • Più ovviamente l’equilibrio complessivo del Bilancio, ed una serie di Equilibri tra le varie Spese/Entrate, tra cui le cosiddette “partite di giro”.

 

A)     L’ EQUILIBRIO DELLA PARTE CORRENTE

 

      LE  ENTRATE LE SPESE CHE DEVONO ESSERE COPERTE                             
ENTRATE CORRENTI (tributarie, extratributarie, contributi e trasferimenti correnti (Stato Regioni) SPESE CORRENTI ( compresi gli interessi su debito)
75%  ONERI DI URBANIZZAZIONE RIMBORSO DEBITO (la quota capitale)
Plusvalenze di Alienazioni Patrimoniali
Avanzo di Amministrazione (anni precedenti), applicato per fondo ammortamento e finanziamento investimenti
Accensione mutui passivi
Altre accensione Prestiti
                                    TOTALE                                      TOTALE

 

 B)      L’EQUILIBRIO  SUGLI  INVESTIMENTI

 

FONTE DI FINANZIAMENTO LE SPESE CHE DEVONO ESSERE COPERTE                             
 ALIENAZIONI PATRIMONIALI SPESE IN CONTO CAPITALE = Investimenti
CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE  (Stato, Regione, Provincia, UE, ecc.)
 25%  ONERI DI URBANIZZZAZIONE
Avanzo di Amministrazione (anni precedenti), applicato per fondo ammortamento e finanziamento investimenti
Accensione mutui passivi
Altre accensione Prestiti
                                    TOTALE                                      TOTALE

 

 

 

                                         UN ESEMPIO

QUOTA INTERESSI = 50                             QUOTA  CAPITALE   =    1000                     

            ENTRATE              USCITE
ENTRATE  CORRENTI  =  3000 SPESE  CORRENTI  = ………………
ENTRATE IN CONTO CAPITALE :  1000
  • Alienazione patrimoniali  =  180
  • Contributi in conto capitale = 120
  • Oneri di Urbanizzazione = 700
SPESE IN CONTO CAPITALE = ……………
 ENTRATE PER INDEBITAMENTO  =  500
RIMBORSO  DEBITO = 1000
               TOTALE =  4500                 TOTALE = 4500

 

 

          COME DETERMINARE L’EQUILIBRIO DI PARTE CORRENTE ?

 

             LE RISORSE           COME LE SPENDO
ENTRATE  CORRENTI  =  3000 SPESE  CORRENTI  = ………………
75 % ONERI DI URBANIZZAZIONE = 525
RIMBORSO MUTUI = 500
     TOTALE =  3525        TOTALE = 3525

 

 

 

 

                                                    E  QUANTO   INVESTO ?

    FINANZIAMENTO        QUANTO INVESTO
ALIENAZIONE PATRIMONIALI  =  180
INVESTIMENTI =………….
CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE = 120
25 %  ONERI DI URBANIZZAZIONE = 175
INDEBITAMENTO = 500
    TOTALE =  975    TOTALE = 975

 

                                                           QUINDI

QUOTA INTERESSI = 50                                  QUOTA  CAPITALE   = 1000                   

              FINANZIAMENTO          QUANTO INVESTO
 ENTRATE  CORRENTI  =  3000
SPESE  CORRENTI  = 2525
ENTRATE IN CONTO CAPITALE :  1000
  • Alienazione patrimoniali  =  180
  • Contributi in conto capitale = 120
  • Oneri di Urbanizzazione = 700
SPESE IN CONTO CAPITALE = 975
ENTRATE PER INDEBITAMENTO = 500
RIMBORSO DEBITO = 1000
     TOTALE =  4500       TOTALE = 4500

 

  • OVVIAMENTE I NUOVI MUTUI CHE ACCENDO ( Entrate per Indebitamento = 500) VANNO AD AUMENTARMI LA QUOTA CAPITALE E LA QUOTA INTERESSI DELL’ANNO SUCCESSIVO.
  • PERTANTO LE SCELTE DI INVESTIMENTO INFLUISCONO SULLA PARTE CORRENTE DEGLI ANNI SUCCESSIVI.

E COME CAMBIA LO STOCK DI DEBITO ?

  • Quest’anno rimborso debito per  1000
  • E accendo debito per 500
  • Lo stock di debito cala di (1000- 500) = 500
  • Se, ovviamente, il nuovo debito supera il rimborso della quota capitale, lo stock aumenta ( 500 < 1000) non aumenta
Questo elemento è postato in COMUNI, Le mie Proposte. Bookmark the permalink.

Lascia un Commento